Beato Alfonso Lopez Lopez (1878-1936)

CLICCA QUI PER ANDARE AL SUO SITO ORIGINALE.

 

P. Alfonso è nato nella provincia di Huesca e Secorún Jaca diocesi il 16 novembre 1878. Al battesimo è stato chiamato Federico. Ha studiato scienze umane e civili ricoperto vari uffici, tra cui quello di segretario comunale. Se in risposta alla sua vocazione religiosa, pensava entrare tra l'Abbazia benedettina in Australia. Conosciamo le ragioni che lo hanno costretto a ripercorrere il lungo viaggio. La verità è che, all'età di 27 anni entrò come postulante nel convento di Granollers, 25 luglio 1906. Nel mese di ottobre dello stesso anno Federico fu inviato in Italia in compagnia di Francisco Remón. Nel mese di aprile l'anno successivo iniziò il noviziato a Osimo, e facendo professione temporanea modifica il nome di Alfonso. Studia teologia ed emette tre anni di professione solenne, proprio lì ed è stato ordinato sacerdote il 24 dicembre da 1911.

      Dopo un breve soggiorno in Spagna, si è rivolto al Penitenziario della Santa Casa di Loreto, dove rimase durante il triennio 1912-1915. Torna a Granollers, esercita diversi servizi: la direzione del esterna - Collegio Antoniane Scuole, che funziona come una terza scuola elementare, ed è anche un esperto di latino e di altre scienze.      Per molti anni è stato direttore dei postulanti e novizie. I suoi studenti e novizi erano Beata Modesto Vegas, Miguel Rivera e Pedro Remon. Ha anche lavorato per un breve periodo guardiano del convento di Granollers. Il ministero della riconciliazione e della direzione spirituale furono le sue campo preferito di apostolato.     Granollers entrambi seminaristi e i fedeli trovato in lui un apostolo del confessionale, come luogo in cui il sacramento della Penitenza esprime e celebra il perdono dei peccati e la conversione. La maggior parte della sua vita in trascorsa in Granollers, ma era sempre pronto a lasciare quando aveva altri obiettivi, come ad esempio trovati a Barcellona e Santo Toribio de Liébana (Santander).

      Secondo la testimonianza di coloro che lo conoscevano bene, la figura di padre Alfonso è di un frate  completo, un francescano che vuole vivere il suo carisma, la sua professione religiosa e ministero sacerdotale con totale dedizione. Padre Angelo Salvador ci ha inviato un interessante ritratto della sua personalità: "giovani promesse del Padre Alfonso con la sua serietà e la cultura, in combinazione con un spirito religioso osservante, e ancora si sono entrati nell'Ordine in età avanzata, Ama - ha 36 anni, ma ha una  malattia incipiente e non può essere indicato al lavoro pesante, a giudizio del medico, in modo da poter essere paralizzato; ora sembra aver recuperato e realizza la casa. " Inoltre, era quindi una persona cara pastori e fedeli che frequentano la chiesa conventuale di Granollers le famiglie mandavano i loro figli a studiare nelle scuole Antoniane; gli stessi giovani si trovano in lui una persona cordiale.

 Dobbiamo dire anche l'impegno che ha contribuito notevolmente alla formazione spirituale dei giovani aspiranti alla vita francescana.

  Maestro dei Novizi, era un uomo di molta preghiera, serio e attento. Formandi inculcato devozione all'Eucaristia e alla Vergine Maria, nella forma detta "la schiavitù mariana", secondo la spiritualità di San Luigi Grignion de Montfort. Si sentiva e ha espresso grande affetto e apprezzamento candidati alla vita religiosa, e lo stesso affetto e la stima gli studenti hanno avuto per le Scuole Antoniane.